don Enzo Boschetti
don Enzo Boschetti
Sito Ufficiale del Servo di Dio don Enzo Boschetti
Un prete santo, amico di Dio, amico dei poveri e dei giovani

mappa del sito stampa questa pagina invia questa pagina per email condividi su Facebook
Dona il tuo 5x1000 — Fondazione “DON ENZO BOSCHETTI - COMUNITÀ CASA DEL GIOVANE” onlus
Sei qui: homepage

15 febbraio 2019 – XXVI anniversario del Servo di Dio don Enzo Boschetti

don Enzo oggi… e domani!

Ndon Enzo oggi… e domani!on sembra vero ma siamo già arrivati al 2019 per ricordare don Enzo Boschetti nel 26° anniversario della sua scomparsa.
Sentiamo ancora forte lo slancio e l’entusiasmo ricevuto dalle varie iniziative vissute lo scorso anno in occasione del 25° e culminate con il gioioso e intenso incontro con papa Francesco.

Lo slogan dello scorso anno era: “Con don Enzo in un mo(n)do nuovo”, a sottolineare il desiderio e l’impegno di vivere le sfide e i cambiamenti che i giovani, la società, la cultura e il mondo odierno propongono, forti dei valori e della profezia di carità e di speranza che don Enzo ha saputo vivere e trasmettere.

Gli slogan sappiamo essere armi a doppio taglio: da una parte sintetizzano valori e prospettive, messaggi e intenzioni, dall’altra corrono in rischio di rimanere ‘parole al vento’.
Come Casa del Giovane abbiamo voluto evitare questo rischio e abbiamo deciso che il modo migliore per ‘celebrare’ il 26° anniversario di don Enzo era quello di approfondire la sua attualità e di concretizzare.

La figura ed il messaggio di don Enzo sono di una attualità che stupisce. I motivi sono vari…

  • La sua formazione sacerdotale è avvenuta negli anni del Concilio Vaticano II. Egli studiava a Roma nei primi anni ‘60 ed è stato ordinato sacerdote nel 1962, anno in cui ebbe inizio il Concilio.
  • La spiritualità a cui si era formato nella giovinezza come frate, quella del Carmelo Teresiano, alla scuola dei dottori della Chiesa Teresa di Lisieux, Teresa d’Avila, Giovanni della Croce, poi Elisabetta della Trinità, Charles de Foucauld e i santi della mistica della vita e della carità: san Francesco, don Orione, don Bosco… Figure che nel ‘900 hanno ispirato non solo don Enzo ma anche Madeleine Delbrel, Simone Weil, Edith Stein, Paolo VI, Giovanni Paolo II, e tanti altri protagonisti famosi o silenziosi ma operanti e testimoni della vitalità del Vangelo. Non ultimo papa Francesco (il quale viaggia con in borsa l’autobiografia di S.Teresa di Lisieux).
  • La priorità data all’esperienza e alla relazione, all’affetto, all’amicizia sia nella relazione con Dio che nel servizio ai poveri e ai giovani in difficoltà, quale vertice della santità e della piena umanità, superando i limiti della riflessione e della cultura soltanto ‘pensata’ e ‘parlata’ e anticipando quella ‘rivoluzione della tenerezza’ che oggi papa Francesco indica essere l’urgenza del mondo e l’unica ‘medicina’ alla disumanizzazione moderna e per un futuro di vera civiltà.
  • Il coinvolgimento dei laici e di tutte le persone di buona volontà e retta coscienza aldilà delle appartenenze dichiarate o della fede professata, creando amicizia, stima, fiducia, comunità e collaborazione.
  • L’umiltà e il non accentrare su di sé ma sull’altro – sia il povero che il volontario o la comunità, la società, la chiesa -, superando protagonismi, autoreferenzialità e appassionando, specialmente i giovani, nel progetto di condivisione e di servizio.

Idon Enzo Boschettil carisma di don Enzo ha continuato a vivere in questi 26 anni attraverso la Comunità che è nata dalla sua dedizione, attraversando gli anni della sua scomparsa, inserendosi attivamente nel tessuto sociale ed ecclesiale sempre attenta a non disperdere la preziosa eredità da lui lasciata e abitando i cambiamenti degli ultimi 10-15 anni che nella società e nella chiesa sono stati tanti.

Un segno della bontà e dell’attualità della sua santità è quello della causa di beatificazione. Avviata nel 2006, sta procedendo celermente e stiamo attendendo che la valutazione della vita di don Enzo da parte dei teologi, dei cardinali della Congregazione e del papa stesso avvenga presto così da poter vedere riconosciuta dalla Chiesa le sue virtù di santità così da poterlo proclamare Venerabile.

Un altro segno della vitalità del messaggio e della figura di don Enzo è dato dalle tante persone che lo ricordano, lo leggono, lo pregano e lo considerano un esempio di vita a cui ispirarsi. Non trascorre mese che non ci arrivino notizie di questa fama di santità discreta ma viva e presente.

Infine un segno che don Enzo è ancora vivo sono non solo le tante persone che continuano a vivere l’accoglienza, il servizio e l’educare nelle case e nei centri della CdG ma il desiderio, che quest’anno verrà concretizzato, di aggiornare la Comunità.
La Fraternità e i Consigli della CdG (Comunità, Cooperativa e Fondazione) assieme ad alcuni Collaboratori e in accordo con il Vescovo di Pavia Corrado Sanguineti hanno iniziato un percorso particolare…

  • La rilettura del carisma, per definirne i valori fondamentali e la loro attuazione oggi.
  • L’aggiornamento degli statuti dell’associazione privata di Fedeli CdG, della cooperativa CdG e della Fondazione don Enzo Boschetti – Comunità Casa del Giovane.
  • L’elaborazione di una forma più attuale e partecipata della presenza dei Collaboratori CdG ovvero di coloro che pur non vivendo in comunità come scelta di vita ne vivono i valori e lo stile nel servizio volontario o professionale.

Al termine di questo cammino che durerà tutto il 2019 verranno rinnovati i Consigli delle varie organizzazioni CdG.
In un mondo in continua evoluzione, liquido e confuso, dove manca la speranza e i problemi sembrano aumentare (dipendenze, migrazioni, nazionalismi, egoismi, conflittualità, guerra fredda...) questo percorso permetterà alla comunità di ricomprendere la propria identità e missione e riorganizzarsi in modo ottimale e attuale, per continuare a essere nella società e nella Chiesa dei prossimi anni quel segno di amicizia, di accoglienza e di umanità liberata e liberante per i poveri e i giovani.

( don Arturo Cristani e la CdG )

Il mondo ha bisogno di crescere e noi siamo chiamati ad essere questo lievito.

L’amore non è astratto, ma qualcosa di preciso
che entra nella nostra vita e ridona speranza.

( don Enzo Boschetti )

 

 

Casa del Giovane - Pavia

 

 

Grazie per la tua visita !
Dal 27/07/2010 sei il visitatore 49.887
.: Dalla pubblicazione ufficiale (13/02/2018 00:22) : 46.660 :.

 

Fondazione “DON ENZO BOSCHETTI - COMUNITÀ CASA DEL GIOVANE” onlus
Via Lomonaco, 43
27100 Pavia (Italy)
Tel. +39.0382.3814480
Fax +39.0382.3814492
email Indirizzo email protetto dal bots spam. Devi abilitare Javascript per vederlo.

Partita IVA IT-96056180183

 

 

» inizio pagina


disclaimer privacy warning credits

Contents © 2019 by don Enzo Boschetti
Design and Engineering © 1997-2019 by Castrovinci & Associati


Ultimo aggiornamento del sito : Martedì 9 Aprile 2019 — 17:28:36
Archivi aggiornati a : Venerdì 19 Aprile 2019 — 06:23:27