don Enzo Boschetti
don Enzo Boschetti
Sito Ufficiale del Servo di Dio don Enzo Boschetti
Un prete santo, amico di Dio, amico dei poveri e dei giovani

mappa del sito stampa questa pagina invia questa pagina per email condividi su Facebook
Sei qui: homepage
1993-2018 Con don Enzo in un mondo nuovo
XXV Anniversario del Servo di Dio don Enzo Boschetti

 

Il25° anniversario della scomparsa di don Enzo Boschetti 15 febbraio 2018 ricorre il 25° anniversario della scomparsa di don Enzo Boschetti, fondatore della Comunità Casa del Giovane di Pavia.

Ad una attenta osservazione non è sbagliato affermare che negli ultimi vent’anni la cultura e la società sono cambiate più che nei precedenti due secoli.
Vorremmo che in questo anniversario la gratitudine per il dono e la testimonianza di una persona eccezionale diventassero occasione e stimolo per ciascuno a lasciarsi ispirare oggi dal suo ‘genio’ e dalla sua profezia.
Egli fu capace di ascoltare il cuore di Dio e dei giovani, cogliendo i fermenti e le aspirazioni del suo tempo per dare vita a comunità capaci di vita buona e autentica, accoglienti verso le fragilità e le diversità considerate risorsa e non solo problema, e divenute proposta alternativa per una vita pienamente umana e cristiana.

Tutto ciò è oggi uno stimolo a costruire una cultura e una società dove a crescere non sia solo il PIL, la velocità del web o il numero di migranti forzati… ma possano crescere e vivere le persone, la solidarietà, l’educazione, la pace.

I modi per vivere e incontrare don Enzo e il suo messaggio saranno vari: oltre ad alcuni incontri sui temi importanti del carisma boschettiano ci sarà la celebrazione in Cattedrale a Pavia il 17 febbraio alle 17. Saranno pubblicati alcuni suoi testi tra i più significativi, inoltre è visitabile la mostra permanente “Dal buio alla luce” in viale Libertà 23 a Pavia.

In questo anno la Casa del Giovane è disponibile – sia presso la sede di via Lomonaco a Pavia che sul territorio – a tenere incontri sulla figura di don Enzo e/o sulle !ematiche del disagio, delle povertà e dell’educare.

Il volontariato come esperienza di vita e di servizio sia nella forma residenziale – condividendo la vita delle comunità CdG – sia con tempi concordati rimane la maniera più efficaci per conoscere oggi il messaggio di don Enzo.

La Causa di Beatificazione in corso per don Enzo ci ricorda che la sua vita ha trovato pienezza e valore perché radicata e alimentata da uno sguardo e da una dimensione più grande e con questo respiro che vi invitiamo a partecipare alle iniziative di questo anniversario e a vivere oggi la sfida bella della condivisione e della carità.

La santità è prima di tutto comunione con il Signore e con i fratelli,
è vivere l’amore, la disponibilità, l’altruismo, il servizio,
è scegliere l’uomo affamato, oggetto di diritto, di libertà,
per restituirgli la fiducia in sé e la sua dignità di figlio di Dio.

Un compito difficile perché il povero è prima di tutto scomodo
tanto quanto il Vangelo, e ci chiede tutto.

( don Enzo Boschetti )

Ladon Enzo Boschetti sintonia del pensiero, degli scritti e dell’operato di don Enzo Boschetti (1929 – 1993) con quello di Papa Francesco sono la più evidente espressione della profezia di questo sacerdote ora Servo di Dio che, dal 1965, a Pavia ha realizzato 50 anni prima, il Vangelo di Gesù Cristo Povero e Servo, interpretando autenticamente lo spirito del Concilio Vaticano II, quello che oggi la Chiesa sta vivendo come rinnovamento e apertura a Dio e all’uomo.

La cifra più espressiva del suo modo di vivere il Vangelo è stato lo stile di Nazareth: vivere relazioni personali, quotidiane e autentiche con Dio e con il prossimo, nella verità della carità di Cristo. Convinto che il servizio e la preghiera non dovevano essere una questione per specialisti, ma il pane quotidiano di chi crede che l’amore è qualcosa di reale e di vero, incarnati nella normalità, che diventa straordinaria perché capace di accorgersi di chi soffre e condividere.

Di fronte al disagio giovanile crescente negli anni '70 don Enzo ha risposto inizialmente alle loro esigenze immediate, accogliendo i giovani che bussavano alla sua porta nel seminterrato di Viale Libertà a Pavia. Ma poi ha ascoltato il loro cuore.

La risposta di don Enzo fu rivolta non solo ai problemi dei giovani e degli esclusi ma alla loro persona, alla loro storia, al loro futuro: nel 1971 diede vita alla Comunità Casa del Giovane (www.cdg.it), quale reale ‘seconda famiglia’ per chi aveva bisogno di trovare non solo ‘cose’ ma valori e rapporti buoni, veri e affidabili per guarire il cuore e poter ripartire nella vita.

A confermare l’autenticità evangelica e umana dell’azione di don Enzo saranno – dal 1978 – alcuni giovani e ragazze che, appassionate dall’esperienza di condivisione con i giovani in difficoltà e dalla contemplazione che arrivava a vedere speranza e vita dove c’era desolazione e solitudine, chiesero a don Enzo di poter vivere tutto ciò come vocazione. Nacque la Fraternità vocazionale che diverrà erede di quest’opera dopo la prematura scomparsa del Servo di Dio nel 1993 a soli 63 anni.

La Causa di beatificazione di don Enzo, iniziata nel 2006 in Diocesi di Pavia, continua presso la Congregazione delle Cause dei Santi a Roma. Nel 2014 è stata redatta e consegnata la Positio ora al vaglio dei teologi in vista dell'approvazione delle virtù di santità: il passo ulteriore del riconoscimento della sua santità che è inscindibile dalla sua carità. Per don Enzo la santità è carità e la carità è santità: solo se unite il Vangelo diventa realtà e questa esperienza di gioia e di vita diventa credibile.

Cammina cercando la strada: quella povera, faticosa, quella stretta.
Cammina per la strada dei poveri, per trovare il Vangelo.
Cammina per la strada del Vangelo per trovare la Libertà nella solidarietà.
Cammina dove nessuno vuol camminare.
Cammina ora, cammina subito e non dopo, perché Cristo ti chiama.
Per meglio camminare, liberati dalle tue sicurezze e da te stesso.
Liberati dall’infame potere degli idoli, per far camminare il Signore Gesù.

Dobbiamo CAMMINARE INSIEME per seminare speranza, solidarietà e libertà.
La cultura della solidarietà si costruisce momento per momento,
con la mano ed il cuore instancabile dell'artigiano,
superando difficoltà ed incomprensioni e "sognando",
con il proprio sacrificio ricco di ottimismo, il mondo nuovo.

Raggiungeremo la perfezione del servizio
solo quando il rapporto che viviamo con il fratello povero
non sarà diverso da quello che abbiamo con Gesù
nel momento della preghiera-contemplazione.

( don Enzo Boschetti )
Casa del Giovane - Pavia

 

 

Grazie per la tua visita !
Dal 27/07/2010 sei il visitatore 22.285
.: Dalla pubblicazione ufficiale (13/02/2018 00:22) : 19.058 :.

 

Fondazione “DON ENZO BOSCHETTI - COMUNITÀ CASA DEL GIOVANE” onlus
Via Lomonaco, 43
27100 Pavia (Italy)
Tel. +39.0382.3814480
Fax +39.0382.3814492
email Indirizzo email protetto dal bots spam. Devi abilitare Javascript per vederlo.

Partita IVA IT-96056180183

 

 

» inizio pagina


disclaimer privacy warning credits

Contents © 2018 by don Enzo Boschetti
Design and Engineering © 1997-2018 by Castrovinci & Associati


Ultimo aggiornamento del sito : Lunedì 9 Aprile 2018 — 19:17:09
Archivi aggiornati a : Lunedì 9 Aprile 2018 — 19:17:38